Campionati Sardi Singolare

Lunedì, 19 Settembre 2016

Ultimi titoli sardi 2016 in palio nel weekend del 17-18 Settembre. Sui campi del chiosco Capolinea si sono disputati i Campionati di Singolo maschile femminile e di quarta categoria (maschile), organizzati dalla Beach Tribù.

53 giocatori nel singolo maschile, 10 giocatrici nel femminile e 34 nel campionato di quarta categoria, si sono affrontati con la formula dell’eliminazione diretta due set su tre.

Nei tornei principali Andrea Reginato e Giulia Deiana sono riusciti a confermarsi per il secondo anno consecutivo, dimostrando di non essere al vertice del movimento per caso. E’ invece Andrea Cappai ad imporsi nel primo campionato sardo di singolo riservato ai quarta categoria.

 

Ed è proprio questo torneo a riservare le maggiori sorprese nelle fasi iniziali. Non raggiungono i quarti di finale le teste di serie n° 1, 3 e 4, Cappai Ibba e Dessì, a dimostrazione che, soprattutto nei tornei di quarta categoria, lo stato di forma va oltre le classifiche.

Nei quarti della parte alta del tabellone, nessun particolare problema per Andrea Cappai e Riccardo Manenti, che con i risultati di 63 63 e 63 62 hanno la meglio rispettivamente su Davide Pieretti e Luigi Soriga.

Nella parte bassa del tabellone Simone Pisu conferma l’ottimo stato di forma battendo Edoardo Fadda per 63 62. Deve faticare molto di più Alberto Carboni per avere la meglio su Monterastelli. Walter vince agevolmente il primo set, per poi subire un impietoso parziale di 62 e 10-1 al long tie break.

La prima semifinale è di quelle dal pronostico incerto. Manenti e Cappai lottano su ogni punto ed il finale al long tie break è la degna conclusione di un bel match. La spunta alla fine Andrea Cappai che attende il secondo finalista.

Secondo finalista che risponde al nome di Pisu: l’atleta della Beach Time batte in due set Carboni ed accede meritatamente in finale.

La finale è ben gestita da Cappai che risulta essere più fresco, piu attento ed in alcuni casi fortunato rispetto al suo avversario. Con il risultato di 6-4 6-3 vince meritatamente il suo primo titolo in singolare.

Il torneo femminile vede alcune assenze “illustri” come Cusinu, Gallon e Carmelita, che associate ad uno scarsa presenza di nuovi volti, porta questo campionato ad avere solo 10 atlete iscritte.

Le due prime teste di serie, Mirtillo e Deiana, si fanno subito sentire nei quarti di finale: Spinazzola si deve arrendere per 62 61 a Patrizia, mentre Valerio Loi (esempio per tutti) deve accontentarsi di un game a set contro Giulia.

Palmas continua nel suo stato di forma eccezionale. A farne le spese è la giocatrice di casa Alessandra Russo, che deve arrendersi per 10 a 8 nel long tie break. L’ultimo quarto vede lo scontro tra Vincis ed Accardi, con la giocatrice di Eolo che riesce ad imporsi col risultato di 64 62.

Nella prima semifinale colpaccio di Accardi. E’ Mirtillo a farne le spese, cedendo per 64 76 alla forte atleta cagliaritana.

Nella sfida tra Palmas e Deiana è la giocatrice pulese ad avere la meglio nel primo set. Nel secondo set, Giulia ritrova sicurezza allo smash ed al servizio e, complice anche il calo fisico dell’avversaria, riesce ad imporsi riportando la partita in parità. Il long tie break viene dominato dalla giocatrice di Beach Tribù, che così ha l’occasione di bissare il successo del 2015.

La finale non ha storia, con Deiana che domina l’incontro per 62 61, meritando il secondo titolo in carriera nella disciplina.

Nel torneo maschile tutte le prime otto teste di serie accedono ai quarti di finale, unica eccezione la sconfitta di Delogu in favore di Andrea Contu.

La parte alta del tabellone è quella che presenta i match più equilibrati. Serve infatti il long tie break a Paolo Tronci per aver la meglio su Alberto Tamponi, 61 26 12-10 il risultato finale, con un match point sbagliato dall’atleta oristanese. Alberto Nessi da vita ad un match sempre in equilibrio contro Diego Fratini. La maggior attenzione nei momenti importanti porta il bellissimissimo cagliaritano alla semifinale.

Nella parte bassa Conti e Reginato vincono le rispettive partite abbastanza agevolmente. Poche chance per Cristian Frau ed Andrea Contu di impensierire i forti avversari.

La prima semifinale si risolve nettamente in favore di Nessi. Tronci paga le fatiche precedenti e nulla può contro Alberto che si impone per 62 64.

La seconda semi è la rivincita della finale 2015. Andrea Reginato è implacabile e batte per 63 61 un Massimiliano Conti sempre presente ad alti livelli.

La finale mostra fin dall’inizio di pendere a favore di Reginato. Nessi entra in campo nervoso e ciò comporta una serie di errori gratuiti. Al contrario Reginato è preciso e non regala nulla all’avversario portando a casa il titolo con il risultato di 61 63.

 

Pagelle

Reginato/Deiana: erano i campioni in carica ed i favoriti dei tornei. Non hanno lasciato nulla al caso ed in campo sono rimasti sempre lucidi ed attenti. Il risultato finale è un meritato bis per i due atleti con la possibilità di dominare ancora per molto nella disciplina.

Voto 9.5 – NON C’E’ 2 SENZA 3 (mode gufata on)

 

Cappai A.: sarebbe facile parlare dell’episodio successo sabato mattina. Ma non verrà fatto. Qui viene celebrata una vittoria meritata, costruita mattone su mattone, partita dopo partita. Nemmeno un toro sarebbe riuscito a buttar giù questo muro, fatto di attacchi recuperi e difese.

Voto 9 – MURATORE

 

Accardi: quarto secondo posto negli ultimi 5 anni. Da sempre ai vertici di questa disciplina, Il risultato di quest’anno assume ancor più spessore viste le avversarie battute e soprattutto il brutto infortunio superato.

Voto 9 - HIGHLANDER

Copyright © 2022 beachtennisardegna. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
Friday the 1st.