Relax - Oscar 2017

Lunedì, 20 Marzo 2017

Il 2017 è stato un anno ricco di tornei: in pochi hanno vinto, in tanti hanno perso, e nessuno è stato squalificato! Lo salutiamo con gli Oscar 2017 di Beach Tennis, che nell’immaginario collettivo hanno ormai sostituito i pensionati Telegatti.

La giuria, chiamata al difficile giudizio, è stata ringiovanita, e tra una mareggiata del Poetto, ed una maestralata oristanese, ha assegnato i premi in ogni categoria.

Come sempre abbiamo chiesto una dichiarazione ad ogni protagonista, non mancano profezie, polemiche e giocosissimi sfottò.

 

Si conferma Miglior Associazione Organizzatrice l’asd Eolo Beach Sports. Staccata, a breve distanza, l’asd Beach Tribù. Terza piazza per la Laguna Beach Capoterra.

Il Signor Eolo, ibernato dal tipico clima polare oristanese, non ha potuto fornire alcun dichiarazione, ha dato semplicemente appuntamento all’estate 2018.

Passiamo ora ai premi relativi ai Migliori Giocatori di 4° Categoria. In campo maschile l’affascinante Giacomo Piras si deve accontentare della terza piazza (lo vedremo probabilmente al vertice nel 2018); Dino Spissu ha provato a portargli via il premio, ma alla fine è Mr Social Network Alessandro Imbimbo ad imporsi!

Imbimbo si dimostra come sempre disponibile, ed ha risposto alle seguenti domande:

2017 da protagonista. Nel 2018, meteora o stella?

Meteora (sempre fantastiche le dichiarazioni di comodo n.d.r.)

Nel 2017 è stato il giocatore che ha disputato il maggior numero di tornei. Ha presente che tipo di vacanza poteva fare con i soldi delle iscrizioni?

Della vacanza sapevo già. Ecco perchè le società dovrebbero avere rispetto per me e famiglia, ed accogliermi con il tappeto rosso.

Ultima domanda: quali sono state le coppie più fastidiose incontrate nella passata stagione?

I più fastidiosi…mmm… Ledda/Pala e Serra/Porcu. In realtà non ne ricordo altri, è grave!

E con quest’ultimo scorcio di arroganza, salutiamo Imbimbo e passiamo alla Miglior Giocatrice di 4°.

Non vi erano molti dubbi a riguardo, al primo posto si piazza Sara Urru, che vince nettamente sulla sorella Simona, staccate invece Mari Cerusico e Cristina Murranca.

Sara decide di sua iniziativa di riportare uno scorcio della sua autobiografia, che riportiamo fedelmente.

La mia carriera beach tennistica è iniziata per caso, ho fatto il mio primo torneo Fit avendo provato a giocare due volte.
Ovviamente mi hanno surrato (nel gergo giovanile dovrebbe aver il significato di “ho perso nettamente” n.d.r.).
Poi ho detto “e no adesso prendo lezioni!” Così ho fatto.
Il pensiero era quello di iniziare subito in coppia con Simona ma lei purtroppo ha avuto un problema alla caviglia, così ho avuto il tempo per migliorare e accumulare più punteggio di lei.
Sono contenta di quest’anno passato, ho avuto grandi soddisfazioni!
Spero di crescere ancora e di cavarmela in 3^ categoria.

Sono stati i dominatori della stagione 2017 ed ovviamente hanno fatto incetta di premi.

In campo maschile parliamo evidentemente di Andrea Reginato. La stella di Beach Tribù si impone nelle categorie MVP (tutti i giudici concordi nell’assegnazione del primo posto, staccati nettamente Riccardo Manenti ed Alberto Nessi), Miglior Giocatore d’Attacco (anche in questo caso Manenti e Nessi alle sue spalle), Miglior Giocatore di Misto (ancora una volta Manenti secondo, Fratini e Frau distanziati).

Siamo riusciti ad intercettare Andrea durante uno dei suoi allenamenti per chiedergli una risposta alla domanda che ci facciamo tutti:

Anche quest’anno Frau e Polidetti non hanno vinto in nessuna categoria. Vuole dirgli qualche parola di incoraggiamento o farebbero bene a cambiare sport?

Inizio col ringraziare tutti i membri della giuria. Sono entusiasta per il mio rendimento nella scorsa stagione il quale è andato al di là di ogni più rosea aspettativa. Per quanto riguarda Frau e Polidetti, ai quali dedico le mie nomination, mi auguro solo che le loro stagioni, ed il loro rendimento, possano peggiorare ulteriormente.

L’amicizia, quella vera.

In ambito femminile c’è poco da discutere. Ha vinto tutti i titoli sardi in palio, non poteva che dominare anche in queste votazioni. Trionfa come MVP femminile (staccatissime Spinazzola e Vincis), Miglior Giocatrice d’Attacco (podio identico al precedente premio), Miglior Servizio Femminile (Defraia e Spinazzola al secondo e terzo posto), Miglior Giocatrice di Misto (Vincis subito dietro, Uras e Spinazzola al terzo posto).

Da quanto è ovvio non ci sarebbe bisogno di fare il suo nome, è Giulia Deiana a dominare in tutte queste categorie.

Ed anche Giulia ha risposto a due semplici domande, tra l’altro senza alcuna minaccia di morte verso il sottoscritto.

L’anno scorso, dopo la vittoria negli Oscar, ha promesso di fare almeno un torneo col suo presidente. Quale assurda promessa si sente di fare quest’anno?

Porterò alla vittoria Paolo Tronci. Se non sbaglio non ha vinto un misto in tutta la sua carriera!

Lei ha vinto tutto, titoli sardi, tornei vari, 18 oscar diversi…ma non è riuscita a vincere il premio come miglior giocatrice difensiva. A quando la sua trasformazione in pallettara, per poter vincere quest’ambito premio?

Quel premio lo cedo con piacere…a me non spetterà mai…sono già diventata più saggia, la difesa e il gioco lento non è nel mio DNA.

Copyright © 2022 beachtennisardegna. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
Saturday the 21st.